Alexei Navalny è uscito dal coma farmacologico

(foto: Olga Malteseva/AFP via Getty Images)Alexei Navalny, l’oppositore russo ricoverato in Germania, non è più in coma farmacologico secondo quanto affermato dall’ospedale dove si trova. Navalny ora respira autonomamente senza l’ausilio di ventilatori e sta rispondendo a stimoli verbali. La Klinik Charité di Berlino, in un comunicato, ha aggiunto però che “è ancora troppo presto per valutare i potenziali effetti lungo termine del suo grave avvelenamento”.
In precedenza, l’ospedale aveva detto che Navalny era stato avvelenato, senza specificare la sostanza assunta. Era stato, invece, il governo tedesco, la scorsa settimana, a pubblicare i risultati tossicologici effettuati da un apposito laboratorio dell’esercito secondo cui l’oppositore russo era stato avvelenato con il novichok, un pericolo gas nervino utilizzato in Russia. Per la cancelliera Angela Merkel si è trattato di “tentato omicidio”.




Leggi la notizia completa