Beetlebot è un robot volante ispirato ai coleotteri

Grazie a una straordinaria capacità di assorbire gli urti, continua a volare anche dopo aver urtato contro un ostacolo, indistruttibile come solo alcuni insetti sanno essere. Si chiama Beetlebot, ed è il nuovo prototipo di robot volante progettato e sviluppato all’università di Seul, appena descritto per filo e per segno su Science.
Nato dall’idea di impiegare piccoli automi di questo tipo nelle operazioni di ricerca e soccorso in scenari di emergenza, come per esempio il crollo di un edificio o un incidente nucleare, Beetlebot trae la sua resistenza (come d’altronde fa intendere il nome) da quella dei coleotteri, come potete vedere anche in questo video. E, in particolare, alla loro capacità di ripiegare le ali quando entrano in collisione con gli oggetti: un super-potere che consente loro di non sbandare, precipitando al suolo, bensì mantenere intatta la rotta, e senza spendere nemmeno molta energia.
(Credit video: Science)




Leggi la notizia completa