Come gli adepti di QAnon hanno preso l’insediamento di Biden

Per i seguaci del gruppo cospirazionista QAnon, il giorno dell’inaugurazione di Joe Biden doveva essere quello della Great Awakening: dal suo quartier generale segreto, il presidente uscente Donald Trump avrebbe dovuto istituire la legge marziale e mettere in moto quello che nella teoria cospirazionista è noto come The Plan, arrestando i leader democratici e svelando al mondo intero il grande complotto della loro cabala di satanisti pedofili. Incredibilmente, l’ex presidente non ha agito secondo le loro previsioni, lasciando l’intera comunità di QAnon nello smarrimento e nell’incredulità più totale.
Da settimane gli Anon si stavano preparando al 20 gennaio. I media statunitensi riportavano una corsa all’acquisto di scorte alimentari e di radio a onde corte, attraverso cui Trump avrebbe annunciato il blackout generale, cioè dieci giorni in cui i media e internet sarebbero stati silenziati e i leader democratici deportati nella prigione di Guantanamo e giustiziati (come …




Leggi la notizia completa