Cosa può succedere alle elezioni in Israele

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu (foto: Lior Mizrahi/Getty Images)In Israele il 17 settembre si vota per la seconda volta in un anno – la prima risale allo scorso aprile – e la sesta dal 2013. Gli israeliani andranno ai seggi perché il 9 aprile scorso il primo ministro e leader del partito Likud, Benjamin Netanyahu, ha ottenuto il suo quinto mandato (il quarto consecutivo) ma non è riuscito a formare un nuovo governo. Bibi, come è soprannominato, aveva bisogno di 61 seggi per ottenere la maggioranza in parlamento – dove ce n’è un totale di 120 – ma si è fermato a quota 60 perché Avigdor Lieberman, ex ministro della Difesa e oggi leader del partito di destra Israel Beytenu, non gli ha garantito il suo appoggio.
Lieberman aveva posto come condizione all’alleanza l’estensione del servizio di leva, che in Israele è obbligatorio, anche agli ebrei ultraortossi – che al momento sono esentati per motivi …




Leggi la notizia completa