Covid-19, cosa racconta l’analisi dell’Istituto superiore di sanità sui contagi nelle scuole

(foto: Antonio Masiello/Getty Images)Rispetto alla diffusione del Sars-Cov-2, nei giorni in cui si discute della riapertura dopo il 7 gennaio, le scuole sono “ambienti relativamente sicuri” e si ritiene che “il loro ruolo nell’accelerare la trasmissione del nuovo coronavirus in Europa sia limitato”. Questo a patto che si mantengano “precauzioni ormai consolidate quali indossare la mascherina, lavarsi le mani e ventilare le aule”.
Sono queste le conclusioni alle quali arriva il rapporto Apertura delle scuole e andamento dei casi confermati di Sars-Cov-2: la situazione in Italia appena pubblicato dall’Istituto superiore di sanità. Un report secondo il quale sono però più di 3mila i focolai legati ad ambienti scolastici, numero che lo stesso Iss definisce però “sottostimato”.
Intanto, concentriamoci i contagi. Secondo questa analisi, tra il 24 agosto e il 27 dicembre sono stati 203.350 i positivi al Sars-Cov-2 in età scolare, tra i 3 e i 18 anni di età. Si tratta …




Leggi la notizia completa