Gli italiani hanno spesso le idee confuse sulle cause di morte nel proprio paese

(foto: Ute Grabowsky/Photothek via Getty Images)Sul divario tra percezioni e fatti si stanno giocando, in particolare negli ultimi anni, partite importanti, soprattutto pensando a grandi temi globali come l’impatto delle migrazioni, il cambiamento climatico, la sovranità dei governi alla guida delle nazioni. Ma, come dimostra uno studio Ipsos, migliaia di persone in oltre 30 paesi hanno anche percezioni sbagliate sulle principali cause di morte: sovrastimano quindi alcuni fenomeni e ne sottovalutano altri. Allo studio Perils of Perception hanno preso parte oltre 16mila persone in 32 paesi: ai partecipanti è stato chiesto quali siano le principali cause di morte nella propria nazione.
In tutti i paesi, secondo lo studio, i soggetti intervistati sottostimano l’importanza delle malattie cardiovascolari e del cancro: una forbice, quella tra percezione e realtà, non proprio piccola, se il dato medio nei vari Paesi è dell’11%, mentre la cifra reale si …




Leggi la notizia completa