Gli smartphone Wiko Wim e Wim Lite arrivano in Italia

Al Mobile World Congress di Barcellona avevamo già capito che il produttore francese Wiko aveva intenzione di iniziare a offrire smartphone su fasce di prezzo meno economiche di quelle presidiate finora. In Spagna la società aveva mostrato Wim e Wim Lite, due telefoni diversi e più raffinati dei predecessori, dei quali in queste ore è stato annunciato l’arrivo in Italia a fine luglio a 399 e 199 euro.
Wiko Wim, il più evoluto dei due, si basa su un ampio display amoled da 5,5 pollici ma soprattutto su un processore Qualcomm Snapdragon 626 (accompagnato da 4 GB di RAM e 32 di memoria) che assicura prestazioni elevate coniugate a una buona autonomia e fornisce al telefono la potenza di calcolo necessaria per gestire la doppia fotocamera che sporge dalla scocca posteriore. Tramite un processore d’immagine incluso nel SoC lo smartphone francese elabora e unisce le immagini catturate dai due sensori da 13 Mpixel (uno in bianco e nero e uno a colori), per fornire scatti più luminosi e rendere disponibili effetti fotografici come profondità di campo e modalità ritratto. Sul lato frontale trovano posto una fotocamera da 16 Mpixel e un lettore per le impronte digitali, mentre all’interno alloggiano antenne LTE cat.7, Wi-Fi e Bluetooth e una batteria da 3200 mAh.
Wim Lite è posizionato in modo decisamente più competitivo, ma è anche un gadget più modesto: il display è una più compatta unità LCD da 5 pollici ma resta Full HD, il processore Snapdragon 435 è accompagnato da 3 GB di RAM e da 32 GB di memoria interna, la fotocamera da 13 Mpixel ha un luminoso obbiettivo f/2.0 e si completa con una unità frontale da 16, il sensore di impronte digitali resta fortunatamente a bordo e la batteria interna è da 3000 mAh.
Dopo un 2016 stellare nel quale Wiko ha visto raddoppiare il numero di unità vendute rispetto all’anno precedente, “il 2017 sarà un anno di consolidamento”, ha dichiarato il direttore dell’area southern Europe Simone Tornaghi. In Europa la società è già prima nella fascia di prezzo inferiore ai 150 euro, nella quale un telefono su cinque venduto è suo. Evidentemente con Wim il gruppo francese vuole tentare il salto di qualità, scontrandosi con vecchie conoscenze che da tempo presidiano tutte le fasce di mercato, ma anche con avversari relativamente nuovi e già in grado di proporre al grande pubblico gadget estremamente competitivi.
The post Gli smartphone Wiko Wim e Wim Lite arrivano in Italia appeared first on Wired.




Leggi la notizia completa