Il ddl Zan non verrà discusso in Senato prima di settembre

Come era prevedibile, un ulteriore rallentamento ha bloccato l’esame e il voto al Senato del ddl Zan, il disegno di legge contro l’omobitransfobia, la misoginia e l’abilismo, che porta il nome del deputato del Partito democratico Alessandro Zan, relatore del testo alla Camera. La conferenza dei capigruppo del Senato ha deciso all’unanimità di spostare la discussione dopo la pausa estiva dei lavori del Parlamento. Tuttavia, non è nemmeno detto che sarà affrontato prima di ottobre, dato che il 4 e il 5 del mese si terranno le elezioni amministrative e che i partiti saranno impegnati nella campagna elettorale.
Cos’è successo fin’ora
Dallo scorso 4 novembre, quando il ddl è stato approvato alla Camera, la legge è rimasta ferma per sei mesi nella commissione Giustizia presieduta da Andrea Ostellari, in quota Lega, che ne ha bloccato la discussione più volte, utilizzando diversi stratagemmi più o meno in linea …




Leggi la notizia completa