Il reattore nucleare per colonizzare la Luna può cambiare il mercato dell’energia sulla Terra

La Terra vista dalla Luna. (foto: NASA/Newsmakers)All’interno del Nevada national security site, dal novembre del 2017 al marzo del 2018 si sono tenute le quattro fasi di sperimentazioni di Krusty (l’acronimo di Kilopower reactor using stirling technology), un piccolo reattore nucleare passivo, in grado di generare da 1 a 10kW di energia elettrica. Le sue dimensioni lo renderebbero trasportabile su un qualsiasi veicolo spaziale, adatto quindi a supportare l’esplorazione umana di altri pianeti. Secondo la stessa Nasa, Krusty rappresenta la prima messa in operazione di un reattore per la fissione nucleare di nuova concezione negli Stati Uniti in oltre 40 anni.
E oggi, a quasi 40 anni dalla decisione del Congresso degli Stati Uniti di gestire pubblicamente, e non attraverso il mercato, la conservazione delle scorie radioattive, il costo di questa operazione è salito a circa 7,5 miliardi di dollari all’anno. Washington prevede che nel futuro l’ammontare necessario per …




Leggi la notizia completa