In Europa anche i garanti della privacy vogliono fermare la sorveglianza biometrica

Riconoscimento facciale allo stand di Omron Corp al Ces di Las Vegas 2020 (foto: Bridget Bennett/Bloomberg via Getty Images)Le istituzioni europee garanti della privacy propongono di vietare l’utilizzo di sistemi di sorveglianza biometrica con riconoscimento facciale nei luoghi pubblici. In un parere congiunto, il Comitato europeo per la protezione dei dati (Edpb), che riunisce i garanti dei 27 Stati dell’Unione, e Wojciech Wiewiórowski, garante europeo della protezione dei dati (Edps), hanno chiesto alla Commissione europea di istituire un “divieto generale su qualsiasi uso delle Ai per il riconoscimento” biometrico in tutti gli spazi pubblici. Secondo le autorità, tali tecnologie sarebbero così dannose per i diritti civili e le libertà fondamentali delle cittadine e dei cittadini europei – come il rispetto della privacy e la parità di trattamento secondo la legge – da non poterne permettere l’uso negli spazi pubblico.
L’Edpb si occupa di armonizzare le norme sulla privacy …




Leggi la notizia completa