Le aziende sotto attacco per aver denunciato la repressione degli uiguri in Cina

Cotone Foto di bobbycrim da PixabayUna campagna di boicottaggio accompagnata da un’ampia propaganda comunista, si è dispiegata in Cina contro diversi brand occidentali di abbigliamento, come H&m, Nike, Adidas e tanti altri sullo sfondo di un contenzioso diplomatico di più vasta scala. Che i colloqui di Anchorage fra Washington e Pechino non siano andati nel migliore dei modi, lo testimonia lo scambio reciproco di sanzioni avviato dall’occidente per la questione uigura. Stati Uniti, Canada, Regno Unito ed Unione europea hanno imposto il congelamento di beni e i divieto d’accesso a cinque funzionari e un’ente pubblico cinese accusati di essere coinvolti in attività di repressione nello Xinjiang, provincia interna della Cina, ai danni della minoranza musulmana degli uiguri.
Diversi report indicano che nella regione ci sono campi di lavoro forzato dove gli uiguri sono costretti a raccogliere cotone, in condizioni che violano i diritti umani. …




Leggi la notizia completa