Lezione di onestà da Pennac: “Sbagliai a difendere Battisti”

“È stata una stupidaggine assoluta, sono stato un idiota, non pensavo che Battisti potesse essere un così brutto ceffo”. Seduto davanti al pubblico, nell’appuntamento conclusivo della rassegna culturale veneziana Incontri di civiltà, lo scrittore Daniel Pennac porge le proprie scuse. All’auditorium Santa Margherita va in scena un’autocritica intelligente. Una scena che andrebbe ripetuta anche con altri protagonisti. Non sono in molti infatti a riconoscere i propri errori, ad affermare che appoggiare Cesare Battisti è stato un abbaglio non da poco.
(Photo by Stefano Mazzola/Awakening/Getty Images)Dopo la pubblicazione dell’interrogatorio del terrorista catturato in Bolivia, Pennac non ha timore di tornare sui propri passi affermando che “Battisti ha mentito alla giustizia italiana, alla dottrina Mitterrand, alle persone che hanno garantito per lui, Battisti adesso riconosce di essere un assassino e di avere ucciso quelle persone. Dunque io ho sbagliato a difenderlo, sono stato un imbecille. …




Leggi la notizia completa