L’Italia recluta le sue promesse della cybersecurity

Cyberchallenge 2020, quest’anno la competizione si è svolta in remoto a causa del coronavirus.Se la nazionale di calcio è da tempo avara di soddisfazioni, niente paura:  c’è un’altra compagine, sempre in azzurro, che svetta a livello europeo. Va in ritiro e si allena come le altre, ma lo fa tra modem, tastiere e mouse: è il Team Italy cyberdefender, selezione di campioni nostrani che si sfidano a colpi di bit. E, un giorno non troppo lontano, potrebbero diventare gli estremi difensori del paese dagli attacchi informatici.
Il problema, affermano gli esperti, non è “se” si verrà attaccati, ma “quando”. A essere a rischio non solo i grandi gruppi, ma anche le piccole e medie imprese. Sistemi informatici aziendali obsoleti e lavoro da remoto svolto senza precauzioni sono le prime vulnerabilità nel mirino dei pirati. Ma, con la consapevolezza dei dirigenti che sta crescendo, gli hacker hanno trovato …




Leggi la notizia completa