Luttazzi torna in Rai dopo 17 anni, ma la sua satira fa ancora ridere?

Daniele Luttazzi (foto: Cosima Scavolini /LaPresse)Altro che Teano. Questa volta lo storico incontro è avvenuto ai piani alti di Viale Mazzini dove il direttore di Rai 2, Carlo Freccero, ha incontrato l’uomo diventato il simbolo dell’epurazione dei comici scomodi dalla tv: Daniele Luttazzi. Sono trascorsi 17 anni da quando, nell’ormai lontano 2002, l’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi emanava il cosiddetto editto bulgaro, risultato nell’allontanamento dal piccolo schermo di Enzo Biagi, Michele Santoro e Daniele Luttazzi.

A parte l’aura da vittima del potere che da allora non lo abbandona, la domanda da porsi è innanzitutto: ha senso riportare Luttazzi nella tv pubblica? La sua satira pungente, dissacrante, fulminea faceva ridere e coinvolgeva l’opinione pubblica diciassette anni fa, ma oggi sarebbe ancora in grado di attirare il pubblico e pungolare i potenti?
In questi anni il modo di fare televisione e la comicità televisiva sono profondamente …




Leggi la notizia completa