Mazda CX-5, la nostra prova su strada

Togliere lo sguardo da Mazda CX-5 è davvero difficile. La colorazione Soul Red Crystal (vivamente consigliata) regala riflessi controllati con precisione che danno origine a punti luce più vivaci e a ombre più profonde. Riflessi che sulle linee di Mazda CX-5 sembrano “danzare sulla superficie per dare vita all’auto” come ama spiegare il design director Kevin Rice. Il frontale di questa crossover giapponese ricorda i lineamenti della progenitrice RX-Vision, la concept car di Mazda da cui stanno nascendo tutti i modelli 2019 della casa giapponese come Mazda 3 di cui abbiamo già effettuato il test drive. Le sue forme allungate (ben 455 cm), i sottili gruppi ottici a led, la tipica ala del frontale con finitura cromata a sostegno della calandra, le cornici lunghe e sottili dei fendinebbia a led, i cerchi da 19 pollici accentuano ulteriormente il senso di armoniosità della vettura. Come la tradizione Kodo vuole, anche le linee di Mazda …




Leggi la notizia completa