Perché i giornali si interessano solo ora di Ciro Grillo?

Ormai i deliri di Beppe Grillo sono ordinaria amministrazione e l’ultimo che ci siamo dovuti sorbire è il video-arringa in cui difende il figlio Ciro accusato di stupro per una vicenda in Sardegna del 2019. Per il garante del Movimento Cinque Stelle il ragazzo e i suoi amici quella sera si stavano solo divertendo e la ragazza il giorno dopo era a fare kitesurf, oltre ad averci messo otto giorni per denunciare. Quanto basta dal suo punto di vista per dimostrare che si è trattata di una montatura mediatica dal sapore politico e che è arrivato il momento di assolvere tutti.
(foto: LaPresse – Guglielmo Mangiapane)Che un padre voglia tutelare il figlio può essere comprensibile, ma le esternazioni rabbiose e pubbliche di Grillo, la criminalizzazione della vittima e la totale ignoranza su come funzioni temporalmente il processo di presa di consapevolezza da parte di chi subisce violenza, rendono il video …




Leggi la notizia completa