Perché i Paesi in via di sviluppo rischiano di rimanere fuori dalla Cop26

Arrivare al Cop26 di Glasgow non sarà semplice per molti delegati (Foto di Neil Cumins da Pixabay)I 46 paesi meno sviluppati assommano il 14% della popolazione mondiale ma hanno ricevuto solo l’1% delle dosi di vaccino. Sono alte, altissime le aspettative sulla Cop26, ma le sfide per la prima edizione post pandemica non si esauriscono nella difficoltà di trovare una quadra tra quasi duecento paesi dagli interessi divergenti. Il problema sono le restrizioni per la pandemia.   
Il sistema “a semaforo” britannico cambierà il 4 ottobre con l’abolizione della lista gialla. Ma 56 Stati del mondo sono attualmente nella lista rossa, che resterà in vigore. Si tratta in buona parte dei casi di paesi poveri, denunciano gli attivisti, nonostante la presenza di pesi medi e massimi come Colombia e Brasile. La conseguenza è che per molti delegati rischia di essere impossibile raggiungere Glasgow, dove i colloqui avranno luogo, e rappresentare i propri interessi …




Leggi la notizia completa