Perché interrompere quella conferenza stampa di Trump non è censura

La diretta della conferenza stampa di Trump su Msnbcdi Antonio Nicita
Una delle vicende delle recenti elezioni presidenziali americane che certamente resterà nella storia dei media è stata la scelta improvvisa, e non concordata, delle emittenti Abc, Cbs, Msnbc e Nbc (ma poi l’ha fatto anche Fox News, più di recente) di interrompere una diretta dalla Casa Bianca del presidente in carica per affermare che ciò che veniva detto da Trump in quel momento non corrispondeva a verità. Se ci fermassimo qui, come qualche commentatore ha fatto, saremmo di fronte a una clamorosa violazione del principio della sovranità libertà d’espressione, incarnata dal Primo emendamento della Costituzione americana. Com’è stato notato da qualcuno, il giornalista deve esser testimone dei fatti, incluse le dichiarazioni, ancorché non veritiere, che diventano esse stesse un fatto storico, un documento. E il giornalista può sempre – in un secondo momento, in una interlocuzione, in …




Leggi la notizia completa