Perché per la Procura di Milano le app di food delivery devono assumere 60mila rider

VIA LAGRANGE, TURIN, ITALY – 2020/03/12: A Uber Eats rider wearing a respiratory mask rides past a Camicissima shop. The Italian government shutted down majority of stores to halt the spread of COVID-19 coronavirus outbreak. (Photo by Nicolò Campo/LightRocket via Getty Images)Un’indagine della procura di Milano ha contestato 733 milioni di euro ammenda a società di food delivery per la violazione di norme sulla salute e sicurezza sul lavoro dei rider. “Sessantamila lavoratori” delle società Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo, dovranno inoltre essere assunti come “coordinati e continuativi”, sulla base di verbali notificati alle stesse aziende. Lo hanno riferito, in una conferenza stampa web, le autorità che hanno condotto l’inchiesta e indagano sei persone tra le aziende coinvolte. Titolari del fascicolo sono la pm Maura Ripamonti e il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano secondo cui, in base a quanto riporta l’Ansa “l’inchiesta si è imposta perché questa …




Leggi la notizia completa