Qualcuno spieghi alla giunta di centrodestra dell’Umbria che l’aborto non è una pena da espiare

In un momento storico in cui si sta cercando di ridurre al minimo la pressione sugli ospedali e si è spiegato alle persone che più ce ne si tiene alla larga meglio è, la giunta di centrodestra dell’Umbria ha deciso: le donne, per esercitare un loro diritto fondamentale quale è l’aborto, non potranno più usufruire del day hospital o del domicilio, ma dovranno affrontare tre giorni di ricovero. La presidente Donatella Tesei e la sua maggioranza hanno infatti abrogato la delibera della giunta precedente di centrosinistra, prendendosi il plauso dell’associazione Family Day dell’Umbria e dall’Associazione famiglie numerose, ma sollevando le critiche di realtà ben più competenti sul tema come la Società italiana di ginecologia e ostetricia.
La legge 194 in realtà prevede che l’aborto debba essere effettuato dietro ricovero ospedaliero ma dal 2009 si …




Leggi la notizia completa