Sì, c’è anche un Generatore automatico di governi

I generatori automatici sono quanto di meglio la rete possa offrire e, negli anni, ne sono usciti tanti quanti sono i meme (sì, il calcolo è impossibile). Con un sorriso amaro, arriva anche quello dedicato all’ormai titanica impresa di dotare l’Italia di un Governo.“Sono passati 2 mesi e 27 giorni da quando l’Italia non ha un governo. Se non puoi nominarlo, puoi sempre generarlo” recita l’home page del Generatore automatico di Governi, realizzato da Daniele Tigli da un’idea di Jacopo Paoletti. Cantanti, vip, nomi di servizi tech, ma anche “la prof di Mate” si mescolano senza colpo ferire.
Così può capitare Sfera Ebbasta Ministro per le Politiche agricole alimentari e forestali, o Uber alle Infrastrutture e Trasporti, o la particella di sodio alla Salute. Presidente del Consiglio? Ma perché non il cane Dudù (d’altronde, un Berlusconi nemmeno troppo in ombra, c’è)? A alla giustizia spunta il nome del Televoto.
Chi desidera può favorire le proprie candidature scrivendo a sergio.mattarella@generatoredigoverni.it (forse meglio evitare Savona).
i consiglia l’assunzione di F5 a ripetizione sulla tastiera, per generare una risata. Tanto, per il Governo, la strada è lunga.

The post Sì, c’è anche un Generatore automatico di governi appeared first on Wired.




Leggi la notizia completa