Su Telegram arrivano le chiamate voce criptate: il codice di sicurezza è in emoji

(Foto: Steve Jennings/Getty Images)Per fare le cose bene, serve tempo. Per questo Telegram, mentre gli altri servizi di messaggistica si accapigliavano a chi meglio copiava le Storie di Snapchat, è rimasta a guardare. Era intenta ad assicurarsi — spiega — che le chiamate fossero veloci, di qualità, ma soprattutto sicure. A lavoro finito, annuncia l’arrivo delle chiamate vocali per gli utenti dell’Europa Occidentale (e presto saranno rilasciate anche nel resto del mondo).
Le chiamate voce sono state costruite sulla base della crittografia end-to-end, vanto dell’applicazione russa da molti anni (anche se qualcuno è riuscito a fare il furbo lo stesso). Sono stati migliorati i meccanismi dello scambio di chiavi di sicurezza e ne hanno semplificato la comprensione: per essere certi che la chiamata sia al 100% sicura, i due utenti dovranno confrontare 4 emoji sul telefono: quello sarà il codice di sicurezza.

Il servizio migliorerà grazie all’Intelligenza Artificiale: ogni volta che si effettua una chiamata vocale, una rete neurale riceve feedback dal dispositivo. Neanche a dirlo, l’app non avrà accesso ai contenuti delle chiamate (altrimenti, tutta la sparata sulla sicurezza, avrebbe poco senso), ma a informazioni tecniche come velocità della rete e performance in generale. 
Gli utenti potranno decidere, in base alle impostazioni che preferiscono, se disattivare completamente le chiamate voce o scegliere chi ha il permesso di telefonare loro e chi no (per esempio scegliendo il filtro “i miei contatti”).
E per chi non fosse interessato alle chiamate, arriva una novità che riguarda i video: l’app ha introdotto un sistema di controllo della qualità video. Prima di inviare, si potrà scegliere che grado di compressione dare al documento: il risultato sarà visibile prima dell’invio.
The post Su Telegram arrivano le chiamate voce criptate: il codice di sicurezza è in emoji appeared first on Wired.




Leggi la notizia completa