Terremoto, mentre si continua a scavare si pensa alla ricostruzione

(foto: LaPresse)
Il bilancio ufficiale ma ancora provvisorio è di 267 vittime e 365 feriti. Le persone estratte vive dalle macerie sono 215. I soccorritori continuano a lavorare anche se il passare delle ore riduce le possibilità di trovare altri superstiti, ricerche rese ancora difficili dallo sciame sismico che continua a far tremare la terra.
Alle 6:28 un’altra forte scossa, 4.8 avvertita fino a Roma, ha causato nuovi crolli ad Amatrice, il piccolo centro aretino, che ha pagato il prezzo più caro con 209 vite umane e con il crollo di gran parte delle abitazioni. Questa la situazione a poco più di 48 ore dal terremoto che ha colpito il Centro. Gli sfollati, almeno 2.500, hanno trovato riparo come hanno potuto, tra i centri di accoglienza organizzati dalla Protezione civile e qualcuno persino in automobile.
Tempo di ripartire e il progetto Casa ItaliaIl consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato di emergenza e ha stanziato i primi 50 milioni di euro. “Un primo segno di attenzione, una misura che permetterà al ministro Padoan di attivare il blocco delle tasse“, ha detto il Premier che ha anche varato il progetto Casa Italia per favorire la prevenzione.
Le leggi ci sono, sarà necessario attuarne di nuove e più moderne perché tra le costruzioni crollate ce ne sono di moderne, edificate secondo le norme antisismiche. Contare sulle previsioni è per lo meno prematuro. Un piano per la prevenzione è necessario ma va concepito e concertato bene.
SolidarietàCome sempre accade in questi casi l’Italia mostra anche il meglio di sé, tra collette, raccolte di beni di necessità e lunghe code per donare il sangue. Il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini annuncia che i musei statali devolveranno alle zone sinistrate gli incassi di domenica 28 agosto mentre sono 293 i “beni culturali colpiti solo nella zona più ristretta, di cui 50 gravemente danneggiati o crollati“.

Tutti gli incassi dei musei statali di Domenica 28 agosto saranno destinati ai territori terremotati. #terremoto #museitaliani #mibact
— Dario Franceschini (@dariofrance) 25 agosto 2016
Inchieste, polemiche e sciacallaggioLa Procura di Rieti ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di reato di disastro colposo per fare luce sul crollo di alcuni edifici moderni o ristrutturati da poco, tra questi il campanile di Accumoli e la scuola di Amatrice. Nel frattempo le forze dell’ordine mandate sui luoghi disastrati, per garantire la sicurezza, hanno intercettato i primi episodi di sciacallaggio come i tentativi di forzare le serrature per accedere agli edifici abbandonati.

#Terremoto 80 agenti #RepartiMobili e 17 equipaggi #RepartiPrevenzioneCrimine insieme contro lo #sciacallaggio pic.twitter.com/OtU2lxD3gZ — Polizia di Stato (@poliziadistato) 25 agosto 2016

 
The post Terremoto, mentre si continua a scavare si pensa alla ricostruzione appeared first on Wired.




Leggi la notizia completa