Tutti i vincitori degli IgNobel 2020, tra coltelli di feci e sopracciglia di narcisisti

Per chi non li conosce o non ne ha mai sentito parlare: gli IgNobel sono dei premi assegnati per così dire alla scienza pazza, bizzarra, che fa ridere (e poi pensare, come cita ormai il celeberrimo motto). Qualche esempio? Negli anni precedenti, per chi è proprio a bocca asciutta e avesse bisogno di orientarsi, ricordiamo per esempio i premi andati alla ricerca sui gemelli che non sono capaci di distinguersi l’uno dall’altro, ai medici che si sono praticati un’autocolonscopia o allo studio per capire quale banconota di quale paese fosse miglior ricettacolo di batteri. Quest’anno, causa pandemia, la tradizionale cerimonia di assegnazione – anch’essa a tratti surreale – non è andata in scena. Si è svolto tutto online, compresa l’assegnazione del premio (una scatola da autoassemblarsi a partire da un pdf e una banconota fuori corso). Ma …




Leggi la notizia completa