Un supercomputer italiano testa i farmaci più efficaci contro il Covid-19

Marconi100 è il supercomputer impiegato nella ricerca farmaceutica contro il coronavirusGrazie all’utilizzo del supercomputer Marconi100 il Cineca, Consorzio interuniversitario per l’high performance computing, sta simulando il comportamento delle proteine che permettono al virus di replicarsi. Queste simulazioni servono per poter testare virtualmente le molecole farmaceutiche che riescono a inibire il virus in maniera più efficace in modo da poter accelerare i tempi di sviluppo di farmaci.
Secondo l’ultima edizione della classifica Top500, il Marconi 100 è attualmente il più potente supercomputer utilizzato in Italia, il secondo in Europa e il nono a livello globale. La sua potenza di elaborazione dati sfiora i 32 petaflops teorici di picco, dato che per chi mastica un po’ meno la terminologia tecnica e traducibile nella capacità di eseguire 32 milioni di miliardi di calcoli al secondo. Il Supercomputer italiano è stato costruito con la stessa tecnologia Ibm …




Leggi la notizia completa